da ANSA del 29 novembre 2017 www.ansa.it
Dal 6 al 9 dicembre cinema, musica e metateatro

SALERNO – Indossa il visore, le cuffie e rimani comodamente seduto, un play e ti sembrerà di immergerti nell’oceano e nuotare con i delfini, buttarti con il paracadute in compagnia dei marines, salire sulla jeep con i ranger del Garamba National Park, volare sul cielo di New York, vivere al fianco di rifugiati di Sudan, Siria e Ucraina oppure osservare la terra da lontano o ascoltare gli U2 che cantano al tuo fianco. La realtà virtuale sbarca per la prima volta in una rassegna al Sud Italia, ed entra prepotentemente quest’anno nel programma della ventiduesima edizione di Linea d’Ombra Festival, che si terrà a Salerno da mercoledì 6 a sabato 9 dicembre 2017 al Teatro Augusteo, alla Sala Pasolini e al Cinema Apollo.
Il festival diretto da Peppe D’Antonio e Luigi Marmo presenta quattro giorni e quattro notti di eventi che indagano il vasto mondo della creatività giovanile, attraverso le quattro sezioni del programma: cinema, musica, performing art e appunto – da quest’anno – realtà virtuale con 15 postazioni dotate di visori a 360 gradi. Per la sezione Cinema, nella notte tra l’8 e 9 dicembre si terrà la consueta maratona cinematografica notturna con premio finale, quest’anno dedicata ai fratelli Coen. Dalle ore 23 di venerdì 8 dicembre fino all’alba del giorno seguente passeranno in rassegna sul grande schermo alcune delle pellicole più significative dei due registi, sceneggiatori e produttori di Minneapolis. Altro appuntamento significativo è l’omaggio a due grandi sceneggiatori del cinema italiano, Agenore Incrocci e Furio Scarpelli, in arte Age&Scarpelli. Dal 6 al 9 dicembre nella sala cinema del Teatro Augusteo, infatti, saranno proiettati un documentario di Paolo Virzì “La strana coppia.
Incontro con Age e Scarpelli” e tre capolavori assoluti: “I soliti ignoti” e “L’armata di Brancaleone” di Mario Monicelli, “C’eravamo tanto amati” di Ettore Scola. Spazio anche agli incontri con gli autori moderati da Boris Sollazzo: Paolo Genovese (6/12), i Manetti Bros (8/12), Sydney Sibilia (9/12) e gli autori della “Gatta Cenerentola”, Alessandro Rak, Dario Sansone, Ivan Cappiello, Marino Guarnieri (7/12).
Non può mancare la sezione musicale che avrà una ouverture il 6 dicembre con Peppe Servillo & Solis String Quartet per la serata inaugurale del festival, poi il pianista siriano Aeham Ahmad (8 dicembre) e per il gran finale la band francese, Nouvelle Vague. Novità assoluta dell’edizione 2017 di Linea d’Ombra – che quest’anno lancia il tema/provocazione “senza tema” – è il contest teatrale “La quarta parete e poi c’è WhatsApp”: un esperimento di metateatro 2.0, dove lo spettatore, attraverso l’app di messaggistica più usata al mondo, potrà interagire con gli attori presenti sulla scena.
La XXII edizione di Linea d’Ombra Festival è promossa dal Comune di Salerno, organizzata dall’Associazione SalernoInFestival con il sostegno della Regione Campania e dell’Ente Provinciale per il Turismo di Salerno.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here